Ven01192018

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Articoli

La formazione

 

Il travertino è una roccia calcarea di origine chimica che si forma per precipitazione del carbonato di calcio in prossimità di sorgenti, cascate o bacini lacustri. Durante la precipitazione del carbonato, nel sedimento rimangono inglobati resti vegetali (per esempio, foglie o ramoscelli) e animali (per es. frammenti di piccole ossa).

La composizione paleontologica è molto ricca: si tratta di malacofauna terrestre e di acqua dolce tipica di clima temperato freddo: da ricordare Aegopis italicus KOBELT e Helix (Pachyphallus) ligata MULLER (gli ostracodi sono tipici di acque poco profonde).

La successiva decomposizione e dissoluzione dei resti organici conferisce al travertino l'aspetto poroso e spugnoso. Il colore va dal bianco al giallo, grigiastro e talvolta rossastro.

Nonostante la sua notevole porosità, il travertino non è una roccia particolarmente soggetta alla gelivazione (fenomeno di frammentazione di una roccia a seguito della prolungata alternanza del gelo e del disgelo).

 

torna allo Speciale Travertino

Torna su