Ven07202018

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Pat Metheny
Pat Metheny
Pat Metheny

Pat Metheny: Un musicista senza Confini

“Mi sento come un reporter del mondo contemporaneo, con la mia musica cerco di rappresentarlo nel modo più diretto possibile, da artista senza pregiudizi.” 
Pat Metheny è uno dei chitarristi jazz più famosi al mondo che vanta una carriera lunga trentacinque anni, milioni di ore di concerti e ben 7 Grammy Awards vinti consecutivamente.
La sua produzione musicale si sviluppa a 360°, tra progetti solisti, Pat Metheny Group ed innumerevoli collaborazioni con artisti del calibro di Joni Mitchell, Ornette Coleman, Gary Burton, Peter Erskine, Chick Corea, Herbie Hancock, John Patitucci,…
Da sempre, Pat ci stupisce.  Da sempre, con entusiasmo, ricerca nuove forme musicali e nuovi strumenti: tra quelli acustici, la più nota è la mitica Pikasso a 42 corde da lui progettata insieme alla liutaia Linda Manzer.
Nel CD Orchestrion del 2010  Metheny raggiunge lo straordinario, suonando tutti gli strumenti: chitarra, marimba, batterie, percussioni varie ed originali quali bottiglie contenenti un diverso livello di liquido, creando suoni da lui stesso definiti “frutto di nuovi media”.
 “In Orchestrion - spiega Metheny - ci sono gli stessi strumenti delle orchestre di un secolo fa. L’unica eccezione sono gli strumenti a penna, ossia chitarre e basso”. 
Viene ripreso e sviluppato tecnologicamente il principio del pianoforte a rullo della fine dell'800.  Rulli di metallo, poi soppiantati dalla carta perforata, che consentivano ad un pianoforte di eseguire un brano musicale.
 “Da bambino - racconta Pat - durante una visita a mio nonno Delmar Bjorn Hansen a Manitowoc, scoprimmo nel seminterrato uno strano piano, una sorta di orchestrion che attraverso delle complicate scatole cercava di riprodurre il suono di più strumenti».
Entry point e Spirit of the air, sono esempi di un’evidente espressione di genialità sublimata attraverso la curiosità intellettuale, l’indagine, la sperimentazione.
"Orchestrionics è il termine che uso per descrivere un nuovo metodo di performance per presentare la musica da solo sul palco usando strumenti acustici e elettroacustici controllati meccanicamente sfruttando la forza delle tecnologie moderne"
La magia di un ensemble in un unico musicista.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna