Gio04262018

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Richie Kotzen
Richie Kotzen
Richie Kotzen

Richie Kotzen

Richie Kotzen é uno dei migliori chitarristi internazionali, dotato di una voce straordinaria pari a quella dei più grandi cantanti rock e soul.
Nato a Reading in Pennsylvania, inizia giovanissimo il suo incredibile viaggio nel mondo della musica imparando a suonare la chitarra elettrica all’età di 7 anni.
A 18 anni registra il primo dei 3 album per la Shrapnel Records di San Francisco.
Richie ottiene subito grandi riconoscimenti e appare su diverse copertine di riviste tra cui Guitar World: i lettori lo votano come uno dei 3 migliori nuovi chitarristi dell'anno.
Si trasferisce a Los Angeles dove, appena ventenne, si unisce al famosissimo gruppo metal dei Poison.
Con la band registra il cd Native Tongue e parte per il tour mondiale di promozione. Il suo brano Stand raggiunge il quarto posto nella classifica Most Wanted di MTV ed entra nella top 20 di Billboard Magazine. Dopo aver lasciato i Poison, Richie continua a registrare diversi album.
Nel ’99 il leggendario jazzista Stanley Clarke lo chiama per formare i Vertu, gruppo con cui registra il disco omonimo per la Sony e con cui partecipa al Montreux Jazz Festival.
"Fu un onore e una grande esperienza essere in un gruppo con Clarke e gli altri componenti", dichiara Richie che sempre nello stesso anno, si unisce alla popolarissima rock band dei Mr. Big con cui suonerà nello stadio di Osaka in Giappone con gli Aerosmith per l'atteso capodanno del nuovo millennio.
Dopo aver inciso 2 dischi in studio con i Mr. Big e aver raggiunto la prima posizione nella classifica giapponese con un brano intitolato Shine, Richie continua la sua carriera solista incidendo dischi di successo e girando il mondo come una superstar, suonando negli stadi, ai festival e nei club di molti paesi, esibendosi con molti musicisti famosi, tra cui Gene Simmons dei Kiss, e i Dogstar, la band di Keanu Reeves.
Nel 2006 Kotzen ha aperto come solista il Bigger Bang Tour in Giappone dei leggendari Rolling Stones.