Mer10172018

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Back Sei qui: Home Notizie Concerti e spettacoli Ultimo appuntamento per Jeux d'Art 2012

Ultimo appuntamento per Jeux d'Art 2012

Quattro prime parti per questo quarto e ultimo appuntamento della settima edizione di Jeux d’Art a Villa d’Este. Roberta Nitta, spalla dell’Orchestra sinfonica del Friuli Venezia Giulia, Andrea Noferini, primo violoncello del Teatro dell’Opera di Roma,Stefano Bartoli, già primo clarinetto della Gustav Mahler Jugend Orkester di Claudio Abbado - attualmente secondo nell'Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli - e il nostro direttore artistico Francesco Nicolosi insieme per i due trio diThalberg e Brahms. E se il secondo rientra fra i capolavori unanimemente conosciuti della storia della musica, il primo è una vera e propria rarità musicale. Riscoperto proprio quest’anno dal maestro Nicolosi in occasione del Bicentenario dalla nascita di Sigismund Thalberg - dobbiamo ricordare che tra le tante attività il maestro Nicolosi è anche Presidente del Centro Studi Internazionale Sigismund Thalberg di Napoli - è stato eseguito in prima assoluta al Teatro Bellini di Catania lo scorso febbraio e replicato per ilFestival di Ravello in agosto. Un lavoro interessante e raffinato che rivela aspetti compositivi inediti del grande pianista austriaco ricordato principalmente per il grande virtuosismo pianistico - fu il più grande rivale del nostro Franz Liszt - e per le parafrasi da temi d’opera.Artisti d’eccezione, un programma ricco e variegato, gli ingredienti sono perfetti per un concerto…degno di nota!!   

 
domenica 2 dicembre 2012

 

tivoli villa d'este

 

ore 12 concerto sala del trono


programma
 

Thalberg
Trio op.69
Allegretto molto moderato
Andante cantabile
Allegretto ma non troppo

Brahms
Trio op.114
Allegro
Adagio
Andantino grazioso, Trio
Allegro

 

COSTO BIGLIETTO

 

INTERO € 12

 

RIDOTTO € 10

 

DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI

 

BIGLIETTERIA VILLA D’ESTE

P.zza Trento, 5 - Tivoli (RM)

Orario: dal martedì alla domenica ore 8.30 -16.00;

il giorno del concerto fino al’intervallo.

Per informazioni: tel. (+39) 0774.332920

 

ONLINE

Sul sito www.listicket.it

Ritiro biglietti a partire da un’ora prima dell’evento presso la Biglietteria di Villa d’Este.

 

BIGLIETTERIA E PREVENDITA TELEFONICA

Lottomatica Italia Servizi tel. 892.982

Orario: dal lunedì al sabato ore 10.00-13.00 / 14.00-18.00

Ritiro biglietti a partire da un’ora prima dell’evento presso la Biglietteria di Villa d’Este

 

PUNTI VENDITA ESTERNI

Per la lista completa dei punti vendita esterni presenti su tutto il territorio nazionale

visitare il sito www.listicket.it

 

INFOLINE

Associazione La Stanza delle Rose (+39) 334.6227148

 

 

 

ROBERTA NITTA
Roberta Nitta ha iniziato lo studio del violino in giovanissima età diplomandosi a Napoli con la lode e la menzione speciale. Ha conseguito successivamente il Diploma all'Accademia di Santa Cecilia in musica da camera e violino. E' stata allieva di Salvatore Accardo e numerosi noti musicisti tra cui A. Pelliccia, R. Brengola. Ha vinto i concorsi di Vittorio Veneto, Città di Pescara, Pergolesi e Caruso. Si è esibita in numerosi Festival e Stagioni fra cui: Festival di Cremona, Concerti Italcable, Stagione Ferenc Liszt, I Concerti al Quirinale, Esacordo di Roma, Associazione Scarlatti, Museo Goethe di Francoforte. Ha registrato in varie occasioni per RAI Radio Tre e Radio Televisione Tedesca ZDF per la quale ha impersonato, da bambina, Paganini in un Film Tv. E' stata membro di giuria al Concorso Internazionale di liuteria Antonio Stradivari di Cremona. Recentemente ha suonato lo Stradivari Il re di Prussia 1703 in occasione della manifestazione Il suono di Stradivari.

 

ANDREA NOFERINI
Chi conosce Andrea Noferini sa che si sta parlando di un vero virtuoso del violoncello. Nato in una famiglia di musicisti, la madre pianista e il padre compositore, si è formato strumentalmente a Bruxelles, alla scuola del grande violinista Arthur Grumiaux al quale deve tutta la sua impostazione virtuosistica al Violoncello, spiccatamente di stampo violinistico. Diplomato a 18 anni nel 1987 con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio G. Verdi di Milano si è perfezionato con Antonio Janigro e ha seguito Corsi di perfezionamento con Paul Tortelier, André Navarra e Yo-Yo Ma. Ha suonato come solista con l’Orchestra Sinfonica della RAI, l’Orchestra Filarmonica di Stato di Romania e Bulgaria, Orchestra del Teatro S. Carlo di Napoli, Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma etc. Inoltre ha tenuto recital nell’ambito di importanti Festival quali Ravello, dei Due Mondi a Spoleto, della Primavera di Praga in Repubblica Ceca, dello Schleswig-Holstein in Germania etc., Il giorno di Natale, 25 dicembre 2001, ha eseguito in Mondovisione, dalla Grotta della Natività a Betlemme, la Suite per violoncello solo n.1 in sol Maggiore di J.S.Bach. Ha inciso per per Dynamic, Warner Bros, Bongiovanni e Tactus. Alla sua attività strumentale affianca quella didattica in qualità di docente di Violoncello ai Corsi di Alto Perfezionamento presso l’Accademia Musicale Pescarese, l’Arts Academy di Roma e al Laboratorio di Interpretazione del Conservatorio S. Cecilia di Roma. Da molti anni tiene i Corsi Internazionali di Formazione Orchestrale dell’Estate Musicale Frentana a Lanciano e dal 1991 è Primo Violoncello Solista al Teatro dell’Opera di Roma. In ambito cameristico è fondatore dello Schubert Trio con pianoforte e del Trio d’Archi del Teatro dell’Opera di Roma. Nel 1997 gli è stato assegnato il premio Nettuno d’Oro dalla Città di Bologna quale miglior artista dell’anno, nel 1999 il Virtuosity Award per il CD The Cello Virtuoso, nel 2001 il riconoscimento Son de Cristal per il CD Cello Miniatures, nel 2002 è stato insignito della Medaglia d’Oro dall’Associazione Foyer des Artistes per meriti artistici. Il Cd 18th Century Italian Cello Sonatas (con Bruno Canino) si è guadagnato il massimo riconoscimento della critica internazionale e ha conseguito un record di vendite. Il suo violoncello è un Tomaso Balestrieri del 1759.

 

STEFANO BARTOLI
Inizia giovanissimo i suoi studi presso la scuola di musica del suo paese in Toscana (Figline Valdarno) per poi diplomarsi brillantemente nell'Istituto Pareggiato P.Mascagni di Livorno con il maestro Giovanni Riccucci. Partecipa a varie Master Class con Karl Leister (risultato il migliore del suo corso anno '98 presso gli Amici della Musica di Firenze) e Anthony Pay '94 e '97 (vincitore borsa di studio presso la prestigiosa Accademia Chigiana di Siena). Inizia in seguito il suo nuovo percorso di studi con i Walter Seyfarth (Berliner Philharmoniker) e Gerald Pachinger (Wiener Simphoniker). Nel 1999 viene chiamato da Claudio Abbado a suonare in qualità di primo clarinetto nell'orchestra Gustav Mahler Jugend Orkester per due anni, periodo durante il quale parteciperà alle tournée italiane dell'orchestra e registrerà in un concerto dal vivo a Bolzano l'Ottetto di Schubert per la Fondazione Gustav Mahler Stiftung sotto la guida di Alfred Prinz (storico clarinettista dei Wiener Philharmoniker). A seguito di varie idoneità ai concorsi indetti dalle varie istituzioni ha collaborato con varie orchestre italiane ed estere quali: Orchestra Giovanile Italiana (primo clarinetto), Gustav Mahler Jugend Orkester (primo clarinetto), Orchestra Regionale Toscana (primo clarinetto), Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (fila), Teatro San Carlo di Napoli (posizione che ad oggi tuttora ricopre con la qualifica di Secondo Clarinetto e Piccolo), City of Birmingham Orchestra CBSO (solo-section leader), Orquestra Sinfonica Brasileira OSB, orchestra con la quale ha iniziato una nuova collaborazione per la stagione 2011-2012 in qualità di primo clarinetto solista. E' molto attivo nella musica da camera in varie formazioni.

 

FRANCESCO NICOLOSI
Allievo di Vincenzo Vitale è considerato oggi uno dei massimi esponenti della prestigiosa scuola pianistica napoletana. Vincitore nel 1980 del terzo premio al Concorso Pianistico Internazionale di Santander e, nello stesso anno, del secondo premio (primo non assegnato) al Concorso Internazionale d’Esecuzione Musicale di Ginevra, si è affermato in tutto il mondo come uno dei pianisti più interessanti della sua generazione. Si è esibito sia in recital che come solista con orchestre prestigiose nelle più importanti sale da concerto del mondo (Queen Elizabeth Hall e Wigmore Hall di Londra, Victoria Hall di Ginevra, Radio Nacional di Madrid, Salle Gaveau di Parigi, Teatro alla Scala e Sala Verdi di Milano, Teatro dell’Opera e Accademia di Santa Cecilia di Roma, Teatro di San Carlo di Napoli, Herkulessaal di Monaco, Brahmssaal di Vienna, ecc.); oltre che in tutta Europa ha effettuato tournée in Islanda, Russia, Stati Uniti, Argentina, Giappone e Cina ed è stato ospite dei più esclusivi festival quali: Festival dei Due Mondi di Spoleto, Rossini Opera Festival, Ravenna Festival, Festival di Ravello, Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, Estate Musicale Sorrentina, Taormina Teatro Musica, Settimane Musicali di Stresa, Settembre Musica di Torino, Mittelfest Musica, Marathon Internacional di Siviglia, Festival de Musique di Mentone, Rencontres Musicales en Artois, Weimar Kunstfest, Budapest Liszt Festival e molti altri. La sua intensa attività discografica lo vede presente nei cataloghi di tre importanti etichette: Nuova Era, Naxos e Marco Polo. I suoi dischi sono stati recensiti in maniera sempre entusiastica dalle più quotate riviste musicali europee, americane e asiatiche, e vengono regolarmente trasmessi dai canali classici delle radio di tutto il mondo. Sull’incisione per la Naxos (luglio 2004) di due rari concerti di Paisiello, l’autorevole critico e musicologo Paolo Isotta ha scritto di lui:(…) bisogna riconoscere che nessuno oggi gli può essere accostato per la luminosità del suono, la capacità di “cantare” e “legare” che per definizione sono raggiungibili dallo strumento a tastiera(...) egli va considerato uno dei migliori pianisti viventi (...) il sommo Arturo Benedetti Michelangeli eseguì musica del Settecento ispirandosi agli stessi criteri di massima adottati dal Nicolosi ma forse non con altrettanta lucidità e coerenza. Nicolosi porta a compimento ciò che Benedetti Michelangeli annuncia. Per la sua attività discografica dedicata a Vincenzo Bellini ha ricevuto nel 1994 (unico pianista a ricevere questo prestigioso premio) il Bellini d’oro. Nel 1998 assieme al pianista Vittorio Bresciani ha fondato il Franz Liszt Piano Duo con l’obiettivo di divulgare l’opera sinfonica di Franz Liszt attraverso le versioni autografe per due pianoforti. In qualità di Presidente del Centro Studi Internazionale Sigismund Thalberg affianca alla sua attività concertistica un’intensa attività di ricerca e di studio incentrata essenzialmente sulla rivalutazione della musica del grande pianista austriaco Sigismund Thalberg (fondatore della Scuola Pianistica napoletana) e di tutto il repertorio strumentale dei primi anni dell’800, diventando in pochi anni uno dei più importanti punti di riferimento della musicologia internazionale. Ricopre inoltre la carica di Direttore artistico del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg, che si svolge a Napoli con cadenza biennale, del Festival Jeux d’Art a Villa d’Este di Tivoli, della Rassegna concertistica I concerti d’Estate a Villa Guariglia che ha luogo in costiera amalfitana e dei Corsi Internazionali di Alto Perfezionamento e Formazione Musicale che hanno sede a Napoli e Roma.