Sab01202018

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Back Sei qui: Home Notizie Eventi Ottava di Santo Egidio: manifestazioni storico-rievocative a Orte

Ottava di Santo Egidio: manifestazioni storico-rievocative a Orte

L'Ottava di Sant'Egidio è una festa antichissima che si svolge ogni anno ad Orte dal 1396. Quest'anno si svolge dal 31 agosto al 9 settembre 2012.

Cenni storici

Festa di antica tradizione, solennizzata da Papa Bonifacio IX nel 1396 con la concessione delle stesse indulgenze della Porziuncola di Assisi, si celebrava con grande impegno pubblico codificato negli statuti comunali. Particolarmente solenne la grande processione alla quale partecipavano tutte le magistrature cittadine e le sedici corporazioni delle arti.

Grande attrazione veniva esercitata dalle corse di cavalli all'anello, per le quali gli statuti del 1359 prevedevano un luogo apposito, l'equinum, e la partecipazione di qualunque cittadino ortano. Si svolgevano inoltre tornei di tiro con l'arco e con la balestra, corse podistiche e regate di barche sul Tevere dette "ludi tiberini" o "le calate" perchè una gran folla dalla città scendeva lungo le rive del fiume. Accompagnava la festa, durante gli otto giorni, una grande fiera di merci in città e di bestiame al di là del fiume detta Fiera dei Campanelli, bandita fino a Perugia e a Norcia. Gli Ortani di oggi hanno conservato la loro devozione a Sant'Egidio.

Le Sette Contrade, dal 31 Agosto alla seconda domenica di Settembre di ogni anno, festeggiano il Santo Patrono. Ogni giorno c’è festa in contrada con giochi, teatro, musiche ecc. L’ottavo giorno è dedicato al Palio degli Arcieri che si contendono, per la propria contrada nella piazza centrale, l’anello d’argento di 10 cm. al quale tirano con archi di legno di tipo medievale.

Uomini e donne delle Contrade vi vanno ad assistere in abiti trecenteschi, formando un corteo che attraversa le vie della città. Rappresentanze più ridotte partecipano la sera del 31 Agosto alla Benedizione dei Gonfaloni in Cattedrale e nella prima domenica di Settembre al Corteo di notte, giuramento del Podestà.

PROGRAMMA Venerdì 7 settembre

  • Ore 17:00 La libreria “Il Gorilla e l'Alligatore” presenta il libro di Francesca Bertuzzi “La paura”. Interviene lo scrittore Matteo Grimaldi. Giardino di Piazza Colonna.
  • Ore 18:30 Apertura Mercato Medievale, per le vie e le piazze della Città.
  • Ore 18:30 Corteo musicale per le vie e le piazze della Città, ed esibizione in Piazza della Libertà del gruppo rievocativo-musicale "BandAntica Città di Segni". Evento in collaborazione con l'Associazione Culturale "Incontri Mediterranei".
  • Ore 19:30 Spettacoli medievali di strada, per le vie e le piazze della Città.
  • Ore 20:00 Aperture Taverne.
  • Ore 21:30 Concerto in Piazza della Libertà del gruppo rievocativo-musicale "BandAntica Città di Segni". Evento in collaborazione con l'Associazione Culturale "Incontri Mediterranei".
  • Ore 22:30 La compagnia teatrale "Cantieri dell'arte", in collaborazione con la compagnia teatrale “Scacco Matto”, presenta la commedia "Exceptio veritatis". Scritta e diretta da Germano Rubbi.
  • Ore 23:30 “Li numeri de monna Silvia e messer Egidio”. Giochi a premi, in piazza della Libertà.

E’ interessante notare che già alla metà del ‘500 esistevano, presso buona parte delle municipalità cittadine, degli insiemi musicali pagati direttamente dai Comuni. Questi gruppi di suonatori eseguivano brani polifonici a tre o più voci in occasione di importanti celebrazioni cittadine, per il ballo e le cerimonie religiose. Erano chiamati compagnie di Pifferi o Trombetti e sostanzialmente ricoprivano gli stessi ruoli che oggi ricopre la banda cittadina in molti comuni d’Italia.

Ovviamente Pifferi o Piffari era un termine generico con il quale si indicavano soprattutto gli strumenti detti “alti”: bombarde, cornetti, tromboni, trombe e tamburi. Spesso però, insieme a questi venivano suonati una varietà impressionante di altri strumenti come flauti dolci, traverse, cromorni, dulciane, cornamuse e xilofoni, ma anche strumenti a pizzico e ad arco.

La BandAntica Città di Segni cerca il più possibile di avvicinarsi a queste realtà antiche, proponendo un gruppo di oltre 25 musicisti in costume d’epoca, che suona sfilando per le strade dei centri storici eseguendo brani originali su copie di strumenti d’epoca. Il colore della banda e la sua musica, sia in sfilata che in concerto, ben si adatta a tutte quelle manifestazioni di rievocazione d’epoca rinascimentale e medievale che, da ormai molti anni, con la loro ricchezza e cultura attirano sempre un grande pubblico.

Ecco il programma completo http://www.ottavamedievale.it/programma_2012/programma_ottava_2012.pdf