Mar03312020

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Back Sei qui: Home Notizie Eventi Tivoli - 62a Sagra del Pizzutello

Tivoli - 62a Sagra del Pizzutello

Si apre a Tivoli la 62a edizione della Sagra del Pizzutello, la tradizionale uva croccante tipica della citta tiburtina.

Tre giorni di manifestazioni e spettacoli - inseriti nel programma del Settembre Tiburtino, il contenitore di eventi che chiude l'estate - in cui spiccano il concerto di Edoardo Vianello sabato alle 21 in piazza Garibaldi (ingresso gratuito) e la Sagra per l'intera giornata di domenica, con l'apertura della manifestazione alle 10:30 e la distribuzione delle uve. Domenica 27 settembre, poi, la manifestazione avrà un seguito a Villa d'Este, con l'ingresso gratuito e la distribuzione dell'uva prodotta nei giardini costruiti da Ippolito d'Este.

"La coltivazione di questa uva nella nostra citta ha una tradizione antichissima - ha spiegato il Sindaco Giuseppe Baisi -. Alcuni storici ritengono che il Pizzutello sia lo stesso frutto citato da Plinio con il nome di "uva del Municipio" e definito come prodotto esclusivo dei vigneti di Tivoli e Pompei. Altri sostengono invece che il vitigno sia stato importato a Tivoli dalla Francia nel XVI secolo dal cardinale Ippolito d'Este, anche per abbellire la sua Villa.  Qualunque sia la sua origine, la coltivazione del Pizzutello ha una parte molto importante nella cultura e nella tradizione della nostra comunita.  Generazioni di tiburtini lo coltivano da secoli, tramandandosi di padre in figlio i segreti e i metodi naturali, contribuendo ad abbellire la splendida immagine di Tivoli conosciuta e apprezzata in tutto il mondo e mantenendo in questo modo vive le nostre radici. A nome dell'Amministrazione Comunale e di tutta la citta ringrazio i produttori che continuano a portare avanti questa antica e importante tradizione e il Comitato che organizza con passione e dedizione la Sagra. L'Amministrazione Comunale - ha concluso il Sindaco - continuera a fornire il necessario sostegno affinche resti viva e cresca anche nelle generazioni future la coltivazione di un prodotto cosi caratteristico della nostra terra".