Dom11192017

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Back Sei qui: Home Notizie Territorio Tivoli - Prende il via il progetto “Teatrando un mondo”

Tivoli - Prende il via il progetto “Teatrando un mondo”

Gli studenti dell’Istituto “A.Volta “ di Tivoli per la prima volta si metteranno alla prova con il progetto  teatrale “TEATRANDO UN MONDO” che si svolgerà tra dicembre e aprile.

Si tratterà di  un laboratorio proposto e gestito dalla FOCUS –Casa dei Diritti Sociali con il patrocinio del Comune di Tivoli nell’ambito delle attività volte all’educazione interculturale per una didattica di scuola nuova al passo con i cambiamenti della nostra società.

Fabrizio Romagnoli, professionista esperto in arte della recitazione, sarà il maestro che porterà sul palco del teatro Comunale venticinque studenti dell’Istituto Volta che per la prima volta debutteranno a teatro.  Con questo progetto si vuole diminuire la dispersione scolastica, in particolare nel passaggio alle superiori, favorire, implementare o migliorare le relazioni degli adolescenti con i coetanei e rafforzare lo spirito di gruppo e di solidarietà generazionale e orientare correttamente, ed eventualmente ri-orientare quelle scelte scolastiche che si credono inevitabili, verso un percorso adeguato alle loro inclinazioni e individuare e intervenire su quei fattori che causano conflittualità, in particolare con i genitori.

Lo scopo di offrire sostegno psicologico ai giovani si intreccerà con le attività di laboratorio teatrale e scrittura creativa. Ogni adolescente scriverà una storia basata su un’ esperienza autobiografica piú o meno romanzata, seguendo un criterio di privacy che ne tuteli la propria serenità.

Tanti  temi che potranno essere affrontati tra cui l’arrivo in Italia; le difficoltà di adattamento alla nuova vita e al nuovo paese o, se di seconda generazione, le modalità in cui viene vissuta la propria identità, in oscillazione tra un paese che si sente proprio ma che non sempre lo ricambia; il contrasto dovuto al confronto con la cultura dei genitori che, a volte, viene difficilmente accettata dai figli.