Dom06242018

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Back Sei qui: Home Notizie Territorio Galleria di Monte Ripoli. Accordo tra Comune di Tivoli e Provincia di Roma per la realizzazione dei lavori

Galleria di Monte Ripoli. Accordo tra Comune di Tivoli e Provincia di Roma per la realizzazione dei lavori

Nella seduta del 12 gennaio 2010 la Giunta di Palazzo San Bernardino ha approvato l'accordo tra il Comune di Tivoli e la Provincia di Roma per la realizzazione della Galleria di Monte Ripoli. Il disciplinare, che sarà sottoscritto nei prossimi giorni dal Sindaco Giuseppe Baisi e dal Presidente Nicola Zingaretti, è stato concordato per regolamentare le modalità per la realizzazione dell'intervento al fine di garantire lo svolgimento delle fasi in maniera coordinata e funzionale agli obiettivi di interesse pubblico perseguiti dai due enti. L'analogo atto è stato già approvato anche dalla Giunta di Palazzo Valentini su proposta dell'Assessore ai lavori pubblici Marco Vincenzi.

Per l'intera maxiprocedura di realizzazione la Provincia di Roma sarà stazione appaltante con un unico responsabile del procedimento. Inoltre sarà attivato un tavolo di lavoro costituito dagli organi tecnici degli enti interessati con l'obiettivo di coordinare ed accelerare le procedure amministrative e l'iter approvativo.
L'opera comprende il bypass della Tiburtina con la Galleria di Monte Ripoli tra la curva dei Regressi e piazzale Saragat, oltre a una nuova viabilità di collegamento con via Valeria con un ponte per lo scavalco del fiume Aniene.
A seguito di una gara europea il Comune di Tivoli ha affidato alla fine dello scorso anno l'incarico professionale di progettazione definitiva e dello studio di impatto ambientale (servizi tecnici) per la realizzazione del Passante Est.
Nel corso del 2009 la Regione Lazio ha stanziato 20 milioni di euro per la realizzazione del primo stralcio dell'intervento e la Provincia di Roma lo ha inserito nel piano triennale delle opere pubbliche 2009-2011 con un ulteriore stanziamento di 5 milioni.
"L'accordo con la Provincia di Roma è un ulteriore importante passo avanti per la realizzazione di un'opera di rilevanza storica per la nostra città e per l'intero territorio tiburtino - ha commentato il Sindaco Giuseppe Baisi -. Questo intervento permetterà di risolvere definitivamente i problemi della viabilità e consentirà di migliorare la qualità della vita, anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale. La realizzazione della galleria e della nuova viabilità permetterà di ridurre del 90 per
cento il traffico di attraversamento extracomunale e del 60 quello di attraversamento comunale, con una diminuzione complessiva del traffico in centro città di circa il 40 per cento. Per quel che riguarda i benefici di carattere ambientale, l'opera permetterà di abbattere del 40 per cento le emissioni di PM10 (anidride carbonica, ossidi di zolfo e particolato) e di ridurre del 30 per cento l'inquinamento acustico. La drastica diminuzione dei flussi veicolari nel centro cittadino consentirà inoltre di ridurre i tempi di percorrenza per gli automobilisti, risolvendo in modo definitivo i nodi critici lungo le principali direttrici, cioè piazza Garibaldi, viale Nazioni Unite, viale Tomei, largo San Giovanni e via Empolitana. Grazie alla collaborazione con la Provincia di Roma e la Regione Lazio, tra circa due anni potremo aprire i cantieri relativi al primo stralcio e iniziare a costruire la galleria".


"Nel suo complesso l'intervento comprende la realizzazione di una strada con due corsie affiancate, una per senso di marcia ­ ha spiegato l'assessore ai lavori pubblici Ermanno Giraud ­. Il progetto preliminare prevede un tracciato di 1466 metri dalla curva dei Regressi a piazzale Saragat, di cui 1225 metri in galleria naturale, 75 metri in galleria artificiale sotto Monte Ripoli e 166 metri in superficie, con la costruzione di una galleria secondaria di servizio e per i mezzi di emergenza e la realizzazione di una rotatoria in corrispondenza dell'imbocco della galleria. La seconda parte dell'intervento riguarda inoltre la riqualificazione di piazza Saragat, con un nuovo capolinea dei pullman, una passerella di attraversamento pedonale e
la riorganizzazione con sistema di rotatorie dell'intera viabilità esistente, oltre alla costruzione di una nuova strada e di un nuovo ponte sull'Aniene, per collegare piazza Saragat e via Valeria".