Sab08182018

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Back Sei qui: Home Rubriche Psicologia Origine dei disturbi psichici

Origine dei disturbi psichici

In ogni condotta umana vi sono sicuramente elementi ascrivibili ad un patrimonio innato (sua costituzione biologica ereditata) ed elementi ascrivibili ad un patrimonio appreso (influenza dell’ambiente psicologico, sociale, culturale e storico). Naturalmente il comportamento non sorge dal nulla, com’e’ evidente dal fatto che l’azione dell’esperienza s’innesta inevitabilmente su un qualche cosa che da essa è sollecitato, potenziato, modellato. Cio’che è ereditato biologicamente e’ probabilmente una maggiore recettivita’ nei confronti di determinate situazioni individuali.
Attualmente si ha motivo di ritenere che le persone cambiano in buona misura nel corso dello sviluppo individuale (vita individuale) e che l’impatto delle precoci esperienze (nel corso dell’infanzia e adolescenza), anche quelle negative, può avere effetti a lungo termine molto diversi in relazione alla natura delle successive esperienze di vita. Persino esperienze notevolmente avverse nell’infanzia comportano pochi rischi per lo sviluppo successivo se le condizioni di allevamento che seguono sono buone. Naturalmente non s’intende sottovalutare l’importanza delle prime esperienze e tanto meno sminuire la serieta’ di precoci esperienze di privazione e separazione; piuttosto s’intende richiamare l’attenzione da un lato sulla grande variabilita’ interindividuale e dall’altro sulle grandi potenzialita’ di recupero (ad esempio la psicoterapia) che contraddistinguono la specie umana. In questo senso sia l’organismo che l’ambiente sono “sistemi aperti” in relazione di stretta reciprocita’, ed il mentale che emerge dalle loro transazioni è portatore di un’autonomia e di un potere autoregolatorio ed eteroregolatorio che non era stato contemplato dalle teorie precedenti. A questo riguardo, è vera quindi l’ipotesi che il comportamento individuale dipende da entrambi i fattori biologici-ereditari ed ambientali-culturali, e che questi non sono additivi ma interattivi, anche se l’unica possibilità d’intervento veramente efficace è quella riferibile ad un’azione sull’individuo (psicoterapia).