Gio06292017

Last updateMar, 23 Lug 2013 2pm

Tivoli all'imbrunire

Tivoli all'imbrunire vista dalla strada che porta all'Hotel Torre Sant'Angelo

Piazza Trento

Piazza Trento, con la chiesa di Santa Maria Maggiore e l'ingresso principale di Villa D'Este

Rocca Pia

In primo piano un particolare dell'Arco della Pace, sullo sfondo Rocca Pia

Tempio di Vesta

Particolare del Tempio di Vesta

Tivoli

Grazie alle sue origini molto antiche e alla ricchezza della sua storia Tivoli vanta un patrimonio artistico ed archeologico di notevole interesse.

Tivoli si trova su una collina (235 m di altitudine) a nord-est di Roma, a circa 25 km dalla capitale, anche se il suo territorio si sviluppa anche nella pianura sottostante, ed è facilmente raggiungibile sia dalla strada statale Tiburtina che dall’autostrada A24 Roma – L’Aquila. Attualmente Tivoli ha una popolazione di circa 56.000 abitanti.

Luogo di villeggiatura di imperatori e patrizi romani per la salubrità del clima e la bellezza del paesaggio, l’antica Tibur è nota soprattutto per le sue ville: Villa Adriana, Villa d'Este e Villa Gregoriana.

Villa d'Este, residenza cinquecentesca del Cardinale Ippolito d'Este, è uno dei monumenti più famosi e più visitati del mondo. La villa vanta uno dei giardini rinascimentali più belli d'Europa, animato da fontane, cascatelle e giochi d'acqua.
La villa è legata al nome dell'architetto Pirro Ligorio, ma ai lavori di realizzazione, iniziati nel 1550, presero parte molti illustri artisti dell’epoca, tra cui il Vasari, il Muziano, gli Zuccari e Benvenuto Cellini.
Per l'approvvigionamento idrico Ippolito II fece scavare un canale sotterraneo che attingeva l'acqua dal fiume Aniene e la immetteva nelle centinaia di fontane presenti nel giardino della villa sfruttando il principio dei vasi comunicanti.

L’altra villa presente nella cittadina è Villa Gregoriana, che prende il nome da Papa Gregorio XVI, dove le acque dell' Aniene formano le cascate, che con un salto di oltre 100 metri sono seconde in Italia solamente alle cascate delle Marmore. Immersa nella vegetazione, Villa Gregoriana offre ai visitatori un itinerario naturalistico di rara bellezza.

Nella pianura sottostante, andando verso Roma, si trova Villa Adriana, l’immenso complesso residenziale del l'imperatore Adriano. Nella villa, costruita tra il 118 e il 138 d.C., sono presenti tra gli altri, edifici che Adriano fece costruire perché gli ricordavano i monumenti che lo avevano maggiormente impressionato durante i viaggi compiuti nel suo sterminato impero: il Canopo della Valle del Nilo e il Pecile di Atene, le grandi e le piccole Terme, la piazza d'Oro. La Villa conserva, tutt'ora, la sua maestosità ed'evidenzia la grandezza e lo splendore della romanità.

Sul territorio tiburtino sono presenti molti altri luoghi di interesse storico e archeologico, a cominciare dai Templi di Vesta e della Sibilla, situati nel quartiere di Castrovetere (Castrum Vetus), antica acropoli di Tibur, posizionati su una roccia a picco sulla Villa Gregoriana. Il Tempio a pianta circolare detto di Vesta (I sec. a.C.), è uno dei più interessanti monumenti romani dell'età rupubblicana. Realizzato con il classico travertino di Tivoli si ispira all'ordine corinzio con colonne scanalate.
Il Tempio della Sibilla, a pianta rettangolare, situato accanto a quello di Vesta, è invece del II secolo a.C.

L' Anfiteatro Romano di Bleso, adiacente alla centralissima Piazza Garbaldi, scoperto nel 1948 e completamente restaurato, era destinato ai giochi dei gladiatori; sono visibili le costruzioni delle gradinate che si ergevano per un'altezza presunta di 12 metri.

Il Ponte Gregoriano, composto da un solo arco di 20 metri, fu costruito dopo la catastrofica piena dell'Aniene del 1826 ed inaugurato da Papa Gregorio XVI nel 1835.

Rocca Pia è una fortezza realizzata nel XV secolo da Pio II Piccolomini. E' composta da quattro torri circolari disposte ai vertici di un quadrilatero; nel 1539 Papa Paolo III vi accolse S. Ignazio da Loyola concedendogli di fondare la regola della Compagnia di Gesù. Per un lungo periodo il monumento è stato utilizzato come carcere giudiziario.

Meritano un breve cenno anche le tante ed antichissime chiese: la Chiesa di San Pietro o della Carità (V sec d.C); la chiesa di S. Silvestro (XI secolo); Santa Maria Maggiore, dove è sepolto il Cardinale Ippolito d'Este; S. Andrea; S. Giovanni Evangelista, adiacente l’ospedale, i cui affreschi dell' Annunciazione sono stati attributi a Melozzo da Forlì; la Cattedrale di S. Lorenzo edificata sulle rovine del tempio di Ercole; S. Biagio; il Santuario del Quintiliolo che custodisce l'effige della Madonna venerata fin dall' antichità dalla popolazione tiburtina.

Da segnalare, a pochi chilometri dalle cittadina, nella frazione di Tivoli Terme, lo stabilimento termale delle Acque Albule ed il bacino estrattivo da cui sin dall’antichità si continua ad estrarre quello stesso Travertino Romano che servì ad edificare il Colosseo ed il Colonnato di Piazza San Pietro in Vaticano.